Committente:  LINEA DISTRIBUZIONE S.r.l - Strada Vecchia Cremonese 26900 Lodi
Importo lavori:  500.000,00 Euro
Stato lavori:

 Progettazione luglio 2010

 Lavori ultimati novembre 2011

Prestazioni effettuate:

 Progetto preliminare,definitivo ed esecutivo

 Direzione lavori

 Coordinamento della sicurezza in fase di progettazione ed esecuzione 

 Contabilità lavori

Legge 2 marzo 1949 n.143:  Classe VI categoria a

Opere sussidiarie alla manutenzione straordinaria  della rete del gas in Corso Bonomelli a Rovato, (Brescia).

In fase di progetto si è proceduto a definire un programma complessivo di adeguamento e messa in sicurezza dell'intero tratto stradale in questione con una redefinizione dell'intera sede stradale veicolare destinata alla mobilità pedonale.

Scopo dell'intervento è la manutenzione straordinaria dell'area stradale per adeguare l'intero tratto alle norme generali della sicurezza e mobilità, eliminando le problematiche esistenti. Queste ultime consistono in:

- la pavimentazione in cubetti di granito e/o porfido costituenti la sede viaria carraia risulta sconnessa e inadeguata in più tratti;

- gli attraversamenti pedonali esistenti, utilizzati come elementi di moderazione del traffico, danneggiano i veicoli in attraversamento;

- presenza di un aiuola centrale che risulta troppo ampia, antiestetica poco funzionale al sicuro svolgimento del traffico;

- presenza di restringimenti degli spazi destinati alla mobilità pedonale, non adeguati alla fruizione da parte di utenti deboli della strada;

- mancanza di un attraversamento della sede stradale carraia in condizioni di sicurezza;

- scarsa qualità ambientale degli elementi dell'arredo urbano, esteticamente inadatti ad un centro storico;

- inadeguata illuminazione della sede carraia e degli spazi pedonali;

- inadeguato deflusso delle acque meteoriche in occasione di precipitazioni atmosferiche di una certa intensità.

Particolare attenzione è stata prestata sia alla sicurezza degli utenti, sia alla sostenibilità ambientale dell'intervento.

La progettazione ha consentito l'eliminazione delle criticità, quindi si è previsto:

- riproposizione della nuova sede veicolare con una larghezza di ml 7.20, suddivisa in due corsie, (una per ogni senso di marcia) di ml 2.75, ciascuna con possibilità di creare una zona di demarcazione e due corsie ciclabili di 0.75 ml ciascuna;

- la rimozione della pavimentazione in cubetti di granito costituenti la sede viaria carraia e la sostituzione con una pavimentazione in asfalto e conglomerato bituminoso, la quale risulta più adatta a sopportare l'enorme flusso veicolare della via medesima; per i parcheggi posti a lato della strada e per i marciapiedi pedonali è stata invece prevista la pavimentazione in cubetti di porfido;

- riproposizione della zona 30 con attraversamenti pedonali collocati in funzione delle necessità, il primo e l'ultimo degli stessi posti all'inizio e alla fine della via con funzione di traffic calming, dotati di rampe di pendenza adeguata; i rimanenti attraversamenti sono invece collocati a raso, alla quota della pavimentazione veicolare carraia;

- eliminazione dell'aiuola centrale, antiestetica e poco funzionale, con riduzione della larghezza totale della sede carraia che da 9 ml passa a 7.20 ed ampliamento degli spazi destinati ai percorsi pedonali;

- miglioramento della qualità ambientale con introduzione di elementi di arredo urbano adatti all'ambiente urbano storico;

- miglioramento dell'illuminazione complessiva della sede carraia e delle aree destinate alla mobilità pedonale attraverso l'utilizzo di nuovi corpi illuminanti adeguati, finalizzati anche al contenimento energetico;

- sostituzione dei pali dell'illuminazione antiestetici con posizionamento di pali artistici (17 pali anziché 44) adeguati al miglioramento della qualità ambientale della via;

- favorire il deflusso delle acque meteoriche, in particolare nel lato posto a valle dove, in occasione di precipitazioni atmosferiche di una certa intensità, si verificano degli allagamenti.