Committente  Committente Privato
Stato dei lavori

 Progettazione 2015

 Lavori ultimati 2017

Prestazioni effettuate

 Progettazione architettonica

 Progetto strutturale

 Coordinamento della sicurezza in fase di progettazione e realizzazione

 Direzione lavori

 Contabilità dei lavori

Legge 2 marzo 1949, n. 143  Classe I, categoria (b

Piano di recupero di casa a corte per la realizzazione di 3 unità residenziali sita in Via XV Giugno nel Comune di Castenedolo - Brescia.

L'intervento edilizio in progetto sito a Castenedolo, in Via XV Giugno, prevede la ristrutturazione della porzione di fabbricato già destinato a residenza ed il recupero della parte destinata a fienile, in modo da poter ottenere una ridistribuzione degli spazi dell'abitazione esistente e da ricavare altre 3 unità immobiliari dalla parte di corte destinata a fienile e vani a disposizione.

Immagine

La struttura e la tipologia dell'immobile, sviluppato su due livelli, era ed è tuttora, quella della classica casa a corte del centro urbano, con portici volti verso la corte, quest'ultima però compromessa da una serie di interventi di adeguamento, che nel corso degli anni si sono sommati e avevano in parte deturpato la conformazione originaria.

La progettazione prevista è stata volta al mantenimento delle caratteristiche tipologiche del fabbricato, con una particolare attenzione alla morfologia originaria delle sue parti. In particolare nella definizione del progetto dell'edificio residenziale è stata mantenuta la volumetria originaria, è stato rispettato il profilo originario, sono stati impiegati in parte i materiali originari e sono state riproposte le caratteristiche morfologiche tipiche della casa a corte.

La copertura è a doppia falda con un'orditura di travi e travetti in legno lamellare completata da un pacchetto isolante per la formazione del tetto ventilato, e la fornitura di un adeguato strato di impermeabilizzazione e coibentazione, ed infine il posizionamento del manto di coperrtura in coppi utilizzandone la parte recuperabile dalla copertura crollata di quelli esistenti e integrandola con dei coppi nuovi. E' inoltre stata sostituita tutta la lattoneria per le coperture e i condoti di scarico delle acque piovane; la nuova lattoneria è costutuita da canali di gronda, pluviali e scossaline in rame crudo.

I serramenti delle porte e finestre con relative persiane di oscuramento verranno realizzati in legno.

Il prospetto principale a ovest si pone in continuità con il corpo principale l'edificio a corte esistente, di cui rispetta gli allineamenti, è inoltre scandito dalla presenza delle colonne in mattoni che verranno ricostruite utilizzando i materiali originari recuperati; inoltre le colonne, in sinergia con la loggia in primo piano, contribuiscono a scandire il rapporto tra i pieni e vuoti che si è cercato di reinterpretare coniugando gli aspetti funzionali legati alle esigenze della residenza con quelli estetici.

La finitura esterna delle pareti perimetrali, intonacate e tinteggiate con colore della gamma delle terra ha contribuito ad armonizzare l'aspetto estetico dell'edificio rispetto al contesto, garantendo la continuità visiva con l'esistente.

 

Fotografie dello stato di fatto - 2015 -

 20150513 143900         20150513 143842